Storia del Sistema Elettorale della Camera dei Deputati

 PER I PRIMI 75 ANNI :
Periodo repubblicano
Dal 1948 al 1993 la Camera
era eletta mediante un sistema
proporzionale puro.
Dal 1993 si passò ad un sistema elettorale prevalentemente maggioritario (#leggeMattarella): il 75% dei deputati (ossia 475) veniva eletto con un sistema di tipo maggioritario: in ciascuno dei 475 collegi uninominali in cui era diviso il territorio italiano, veniva eletto solo chi in essi raccoglieva il maggior numero di voti, mentre il restante 25% dei seggi veniva eletto con un sistema proporzionale, corretto con un meccanismo per favorire i partiti perdenti nei collegi uninominali, ma con uno sbarramento per i partiti che non superavano il 4% dei voti.
Nel 2006, dopo tre legislature, è stata applicata una nuova legge proporzionale, senza possibilità di indicare preferenze fra i candidati ma solo a una lista, corretta con un premio per la coalizione di maggioranza relativa (ottiene 340 seggi, se non riesce a ottenerne un numero superiore), e sono stati assegnati per la prima volta dei seggi per gli eletti dai cittadini #residentiallesteroNel 2015 la #leggeCalderoli, già dichiarata parzialmente incostituzionale l'anno precedente, fu definitivamente sostituita dal cosiddetto #Italicum, di impianto proporzionale,
seppur corretto, a doppio turno con ballottaggio. La #nuovalegge prevede una combinazione di capilista "bloccati" e preferenze, oltre a mantenere il #premiodimaggioranza di 340 seggi alla lista (non più alla coalizione) che raggiunga almeno il 40% dei voti o che vinca all'eventuale ballottaggio.
In seguito è entrata in vigore la #legge165/ 2017 che, con il decreto di attuazione (d.lgs. 189/2017), istituisce un complesso sistema misto di proporzionale (basato su piccoli collegi e liste bloccate) e uninominale, a prevalenza proporzionale. Il base al nuovo sistema elettorale, 232 deputati sono eletti con un sistema maggioritario nell'ambito di altrettanti collegi uninominali e 386 con un sistema proporzionale. La soglia di sbarramento, determinata tuttavia su base nazionale, esclude dalla ripartizione dei seggi le liste che ottengano meno del 3% dei voti validi. Non è ammesso il voto di preferenza, cosicché i candidati sono eletti semplicemente secondo l'ordine con il quale compaiono nella lista, né il voto disgiunto, che invalida la scheda elettorale.

 

Ciao Rino! sui Social network

BLOGGER

TWITTER

INSTAGRAM

FACEBOOK

WHATSAPP

LE INIZIATIVE ON LINE

La promozione sociale continua sulla piattaforma dello #SharingCulture

Cinema Teatro & AudioLibri

TUTTO GRATIS

IL POPOLO DITALIA

Le Notizie piu' importanti della Settimana dai Quotidiani sul web
 

LA SCUOLA DI POLITICA 

Perchè non basta votarli, se poi non sappiamo cosa devono fare.
 

LE COMUNICAZIONI UFFICIALI

sono pubbliche sul blog 
 

I GRANDI STATISTI

Antonio GRAMSCI
 

LO FACCIO A POST

La Rubrica di Antonio BARBUTO

ADOTTA  UN BAMBINO A DISTANZA

"DONA UNA SPERANZA AD UN BAMBINO CHE POTREBBE NON AVERE DOMANI"
 
 
 

Ciao Rino! Club

via Cesare Caporali 44
Perugia - 06123
ITALIA
0759076316
3392747916

ciaorino@rinogaetano.club L'associazione Interculturale "CiaoRino!"nasce nel 2005 a Perugia, ha tra le sue finalità la diffusione della musica del grande Cantautore "Rino Gaetano". Non percepisce finanziamenti pubblici ,ma si autofinanzia attraverso le proprie iniziative interculturali, artistiche e di rilevanza sociale e i servizi ai soci.
Dal 2009 facciamo parte della grande Famiglia di ACTIONAID ITALIA di cui siamo Gruppo Locale Perugia e con cui promuoviamo a 360 gradi, l'ADOZIONE A DISTANZA , oltre offrire SOSTENEGNO A tutte quelle ORGANIZZAZIONI NO PROFITT DI UOMINI E DONNE , che ogni giorno si impegnano OFFRENDO TUTTO IL LORO TEMPO AL CAMBIAMENTO che riguarda tutti e che vuole il Mondo, un Posto migliore per tutti gli abitanti del pianeta.
Il grazie a tutti coloro che ci daranno una mano a mantenere sul pianeta Terra il cielo ancora blu! "RINO VIVE"
Il Fondatore : Antonio BARBUTO