Milano 27 luglio 1993, La Strage di Via Palestro : Muoiono Innocenti mentre lo Stato tratta con la mafia

ATTENTATI CONTRO LA
REPUBBLICA

#MenoMaleCheSilvioCè

 
NON DIMENTICA

E CHIEDE GIUSTIZIA


L'esplosione di una autobomba in via Palestro, presso la Galleria d'arte Moderna e il Padiglione di arte contemporanea provocò l'uccisione di cinque persone: i vigili del fuoco Carlo La Catena, Sergio Pasotto e Stefano Picerno, l'agente di polizia municipale Alessandro Ferrari e Moussafir Driss, immigrato marocchino che dormiva su una panchina. Tale attentato viene inquadrato nella scia degli altri attentati del '92-'93 che provocarono la morte di 21 persone (tra cui i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino) e gravi danni al patrimonio artistico.

Nel maggio 1993 alcuni mafiosi di Brancaccio e Corso dei Mille (Giuseppe Barranca, Gaspare Spatuzza, Cosimo Lo Nigro e Francesco Giuliano) provvidero a macinare e confezionare altro esplosivo in una casa fatiscente a Corso dei Mille, sempre messa a disposizione da Antonino Mangano (capo della famiglia di Roccella); a metà luglio le due balle di esplosivo vennero nascoste in un doppiofondo ricavato nel camion di Pietro Carra (autotrasportatore che gravitava negli ambienti mafiosi di Brancaccio), che le trasportò ad Arluno, in provincia di Milano, insieme a Lo Nigro, che portò con sé una miccia e altro materiale: ad Arluno, Carra e Lo Nigro furono raggiunti da una persona che li condusse in una stradina di campagna, dove scaricarono l'esplosivo. Il 27 luglio Lo Nigro e Giuliano giunsero a Roma, provenendo da Milano, per organizzare anche gli attentati alle chiese di Roma.

La sera del 27 luglio l'agente di polizia locale Alessandro Ferrari notò la presenza di una Fiat Uno (che risulterà poi rubata qualche ora prima) parcheggiata in via Palestro, di fronte al Padiglione di arte contemporanea, da cui fuoriusciva un fumo biancastro e quindi richiese l'intervento dei vigili del fuoco, che accertarono la presenza di un ordigno all'interno dell'auto; tuttavia, qualche istante dopo, l'autobomba esplose e uccise l'agente Alessandro Ferrari e i vigili del fuoco Carlo La Catena, Sergio Pasotto e Stefano Picerno ma anche l'immigrato marocchino Moussafir Driss, che venne raggiunto da un pezzo di lamiera mentre dormiva su una panchina.

L'onda d'urto dell'esplosione frantumò i vetri delle abitazioni circostanti e danneggiò anche alcuni ambienti della vicina Galleria d'arte moderna, provocando il crollo del muro esterno del Padiglione d'Arte Contemporanea. Durante la notte esplose una sacca di gas formatasi in seguito alla rottura di una tubatura causata dalla deflagrazione, che procurò ingenti danni al padiglione, ai dipinti che ospitava e alla circostante Villa Reale.


I collaboratori di giustizia

Le indagini ricostruirono l’esecuzione della strage di via Palestro in base alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Pietro Carra, Antonio Scarano, Emanuele Di Natale e Umberto Maniscalco: nel 1998 Cosimo Lo Nigro, Giuseppe Barranca, Francesco Giuliano, Gaspare Spatuzza, Luigi Giacalone, Salvatore Benigno, Antonio Scarano, Antonino Mangano e Salvatore Grigoli vennero riconosciuti come esecutori materiali della strage di via Palestro nella sentenza per le stragi del 1993; tuttavia, nella stessa sentenza, si leggeva: «Purtroppo, la mancata individuazione della base delle operazioni a Milano e dei soggetti che in questa città ebbero, sicuramente, a dare sostegno logistico e contributo manuale alla strage non ha consentito di penetrare in quelle realtà che, come dimostrato dall’investigazione condotta nelle altre vicende all’esame di questa Corte, si sono rivelate più promettenti sotto il profilo della verifica “esterna”».


IN SUMMER TUOR 2022

VISITA I PORTALI

RINOGAETANO.CLUB   |   BILLACCIO.COM   |   STREAMING.TIPS   |   ILPOPOLODITALIA.ORG

SEGUIMI

TWITTER   |   WHATSAPP   |   TELEGRAM   

SCHIERATI SEMPRE

INSERITI MAI

 CIAORINOCLUB 

TUTTI I GIORNI SEGUI CIAORINOCLUB 

ILPOPOLODITALIA | BILLACCIO  | STREAMING  | RINOGAETANO

CINEMA     |    TEATRO     |    AUDIOLIBRI    ASMR  |  BIANCO&NERO  |  COMMEDIE  

   

  THRILLER   |   BAMBINI   |   ULTIMORA

TUTTO GRATIS

LA PRIMA CLASSE E' PER TUTTI

TUTTI I GIORNI SEGUI CIAORINOCLUB 

ILPOPOLODITALIA | BILLACCIO  | STREAMING  | RINOGAETANO

LA QUESTIONE UCRAINA 

IN 60 SECONDI

NON PROFIT SENZA

LIMITI DI FRONTIERA

 
secret concert d'autore
per conoscerci

e AutoIntegrarci

nel paese dei TRENT'ANNI DI DEPISTAGGI
 

TUTTI I GIORNI SEGUI CIAORINOCLUB 

ILPOPOLODITALIA | BILLACCIO  | STREAMING  | RINOGAETANO

Ciao Rino! Club

via Cesare Caporali 44
Perugia - 06123
ITALIA
3392747916 ciaorino@live.it CIAORINOCLUB è il Club dell'Associazione Interculturale CIAORINO! : Gruppo Locale di ACTIONAID PERUGIA e sostenitrice e socia di AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA.
Siamo Attivi su Perugia e Catanzaro in attesa che tu Possa Attivarti con Noi nella tua città!
Ricorda che Ogni Volta che utilizzerai i servizi o il Bar all'interno del Circolo , sosterrai il lavoro della non profit. CHE DA OLTRE SEDICIANNI PRESENTE IN ITALIA NON HA MAI PERCEPITO UN SOLDO DI DENARO PUBBLICO.
CIAORINO! LA PRIMA CLASSE PER TUTTI.